néo: UNDERGROUND – TENDENZE IN DIVENIRE
facebook Stampa

1. DO IT YOURSELF


In direzione ostinata e contraria rispetto alla cultura di massa, il do it yourserlf nella musica, nell’arte, nel pensiero e nella moda. Cinque esempi che dicono che si può farcela da soli per sfondare nel presente, anticipando il futuro.

5 ICONE DEL “CE LA FACCIO DA SOLO”

1. FUGAZI

Se si parla di Do It Yourself non si può fare a meno di citare gli antesignani: i Fugazi tra le band maggiormente fedeli al dettato dell’autoproduzione, totalmente indipendenti dai circuiti del commercio musicale al grido di “no merchandise” e la calmierazione dei prezzi (il prezzo dei biglietti per assistere ad un loro live non superava mai i 10 dollari, idem per l’acquisto dei dischi). Negli anni ’90 anticipavano i tempi del passaparola, oggi divenuto un must all’interno dei circuiti indipendenti, e rinnegavano i pogo durante le loro esibizioni, definendoli “roba vecchia”. Per questo motivo, capitava che prendessero uno spettatore protagonista di qualche rissa e gli consegnassero una busta contenente 5 dollari come rimborso.

Video: LIVE, WAITING ROOM, 1988

Se avessero le magliette, si confonderebbero con il pubblico. Ma mostrerebbero un marchio, contro la loro etica (durata: 3 minuti)

2. DISCHORD RECORD

Washington D.C. 1980, Ian MacKaye e Jeff Nelson fondano una casa discografica per pubblicare i dischi dei gruppi punk hardore locali che non avevano la minima possibilità di esplodere grazie alle major. Dopo trent’anni di produzioni sulle spalle, la Dischord è diventata la punta di diamante della scena indipendente in America e in Europa. La filosofia è quella di un rapporto “intimo” con l’acquirente: per chi ordina un disco della loro distribuzione, foglietto di ringraziamenti personalizzato e scritto a mano.

Video: DISCHORD RECORDS - DOING IT WRONG

Un viaggio all’interno della Dischord Label, con interviste agli operatori della musica indipendente (durata 4 minuti)

3. JIDDU KRISHNAMURTI

Vissuto a metà tra il 1800 e il ‘900, Jiddu Krishnamurti fu un filosofo apolide che non volle appartenere a nessuna organizzazione, religione o nazionalità. Indiano d’origine, immolò la sua vita alla mente umana, a scoprirne il funzionamento e smascherarne i conflitti, in vista di una liberazione dell’uomo dai dogmi, dai condizionamenti, dalla sottomissione alle autorità. “Ritengo che la Verità sia una terra senza sentieri e che non si possa raggiungere attraverso nessuna via, nessuna religione, nessuna scuola”, diceva, a sottolineare il fatto che l’uomo dovesse liberarsi dalle “strade già tracciate”.

Video: KRISHNAMURTI DISCOURSES ON FREEDOM

Un breve estratto di una intervista rilasciata dal filosofo sul concetto di “libertà”. Fondamentalmente “Freedom and authority cannot possibly exist together” (durata: 2 minuti e mezzo)

4. LUCIO FONTANA

Rivoluzionò l’arte contemporanea squarciando e bucando le sue tele. Considerato il padre dell’astrazione monocromatica dell’arte concettuale successiva alla guerra, diventa presto uno dei maestri dell’avanguardia internazionale. Nel 1958 realizza le prime opere con “tagli” seguite da cicli di tele con “crateri”, “Metalli squarciati” e i famosi “teatrini”. Un evoluzionista che in assoluta autonomia artistica non si è mai stancato di sperimentare.

Video: OBRAS DE LUCIO FONTANA

Un video tributo all’arte di Fontana attraverso le immagini dei suoi lavori più interessanti (durata 2 minuti e 20 secondi)

5. MADONNA LOUISE VERONICA CICCONE

La regina del pop, l’artista femminile che ha guadagnato di più in tutti i tempi, ma soprattutto colei che è sempre riuscita, attraverso la musica, a lanciare e anticipare nuove mode e tendenze. Pensate ai suoi videoclip, agli stili copiati per decenni da milioni di ragazze. Il suo credo rivoluzionario? “A colpi di tette e di culo ho sfondato nel mondo dello spettacolo”: per centrare il bersaglio ha usato tutta se stessa. Ma proprio tutta.

Video: LIKE A PRAYER

Le immagini che hanno lanciato il "video più rivoluzionario" della storia della musica (durata: 5 minuti e quaranta)

Altri articoli di questa enews
  • 1. DO IT YOURSELF "Fallo da Solo!" Il grido della cultura punk che rinnega le majors della distribuzione musicale e sfida la cultura mainstream. Lo slogan di chi inneggia all'autoproduzione. Un'etica dell'indipendenza che sta rivoluzionando il mondo artistico. Ma vediamo 5 antesignani dell'autonomia nel fare cultura... (clicca per articolo e video)
  • 2. DAL NO AL NON Una cultura che non è cultura, arte che non è arte, musica che non è musica. Dal no al non: la nuova frontiera è il non pensiero che si impone come pensiero totalmente libero e autonomo rispetto alla cultura dominante. Scoprendo persino, in qualche caso, che non pensare è un bene; che l’arte è “incoerente”; che il silenzio può diventare musica e l’assenza può essere la protagonista... (clicca per articolo e video)
  • 3. VIRALITA’ In un'epoca in cui i virus della mente, delle relazioni sociali, quelli tecnologici e della comunicazione si propagano ad alta velocitá, proponiamo i 10 video piú virali della rete... (clicca per articolo e video)
  • 4. FLASH MOB SOCIETY Basta un flash, pochi minuti per esprimere la propria arte, il proprio senso del mondo, in una piazza di una qualsiasi cittá. Questo é il flash mob: ecco gli esempi passati alla storia... (clicca per articolo e video)
  • 5. INVISIBILI Dal web, alla realtà, all’economia, passando per una firma e un continente perduto. Si dice che il senso del visibile risiede nell’invisibile. Ed è proprio ciò che non si vede che sarà protagonista nel prossimo futuro. Ciò che è invisibile: underground (clicca per articolo e video)
  • FACEBLOB: I 10 Video più virali della rete
Nèo Giuliana Sias

Giuliana Sias

Bologna