néo: UNDERGROUND – TENDENZE IN DIVENIRE
facebook Stampa

4. FLASH MOB SOCIETY


È la società degli Anni Zero, quella che viaggia sulle frequenze della luce, dai ritmi spasmodici e dalla creatività di massa. Quella che vive le mode a costo zero, attraverso la quale s’incontra per assecondare il semplice gusto del divertimento fine in sé stesso. Come la moda del Flash Mob, che ha ormai invaso il pianeta. Tutti a bordo.

LE 5 W DEI FLASH MOB

1. WHO

A capo della Flash Mob Society ci sono tutti e nessuno. Ognuno crea, chiunque sceglie, chi vuole agisce. Ma tutti si fa la stessa cosa. Per vivere questa tendenza, che invade pacificamente numerose città in tutto il mondo, occorrono solo creatività, contatti e voglia di divertirsi.

Video. FREEZE

A Parigi (durata 2 minuti e mezzo)

2. WHAT

Una folla si riunisce in un lampo per poi disperdersi. Veloce e indolore, la Flash Mob Society agisce attraverso il passaparola al di fuori degli organi convenzionali: via sms, mail, oppure tramite i social networks. Possono distinguersi diverse forme di flash mob, come il pillow fight (la battaglia dei cuscini), il freeze flash mob (dall’inglese freeze, ovvero congelato, cioè immobile) o il Silent rave, durante il quale i partecipanti si radunano sul posto dotati di lettori musicali e cuffiette ballando nel più completo silenzio ognuno la propria musica.

Video. PILLOW FIGHT, NYC

Una scatenata lotta coi cuscini (durata 2 minuti e mezzo)

3. WHEN

Il primo flash mob risale al 2003 e venne organizzato a New York. Il primo nel Vecchio Continente è stato invece quello di Londra, nel 2007, quando circa 4mila persone si diedero appuntamento alla stazione Victoria e, cuffiette in testa, iniziarono a scatenarsi a ritmo di danza per circa due ore. Nel 2009, sulle note di I Gotta Feeling dei Balck Eyed Peas, un grande flash mob ha preso vita durante il concerto della band a Chicago. Nel maggio scorso, il più partecipato della storia, almeno per ora, ha coinvolto 18.000 persone alla Telenor Arena di Oslo.

Video. TRIBUTE TO MICHAEL JACKSON

Subotica e un omaggio al grande re del pop (durata 2 minuti e mezzo)

4. WHERE

Ovunque nel mondo. Non c’è ormai grande città che non ne abbia ospitato almeno uno. Dall’America all’Europa, passando per l’Asia.

Video. FLASH MOB BANANA BANG

Direttamente da Düsseldorf (durata 1 minuto)

5. WHY

Unico obiettivo: spezzare la quotidianità. Nessuna motivazione politica, religiosa o sociale e rigorosamente senza fini di lucro, i falsh mob vengono organizzati al solo fine di incoraggiare la piena libertà di espressione, senza alcun paletto a definire il campo della creatività personale. Motivo per cui i flash mob si impongono come “nuova arte di massa”.

Video. T-MOBILE DANCE

Liverpool Street Station (durata 2 minuti e 50)

Altri articoli di questa enews
  • 1. DO IT YOURSELF "Fallo da Solo!" Il grido della cultura punk che rinnega le majors della distribuzione musicale e sfida la cultura mainstream. Lo slogan di chi inneggia all'autoproduzione. Un'etica dell'indipendenza che sta rivoluzionando il mondo artistico. Ma vediamo 5 antesignani dell'autonomia nel fare cultura... (clicca per articolo e video)
  • 2. DAL NO AL NON Una cultura che non è cultura, arte che non è arte, musica che non è musica. Dal no al non: la nuova frontiera è il non pensiero che si impone come pensiero totalmente libero e autonomo rispetto alla cultura dominante. Scoprendo persino, in qualche caso, che non pensare è un bene; che l’arte è “incoerente”; che il silenzio può diventare musica e l’assenza può essere la protagonista... (clicca per articolo e video)
  • 3. VIRALITA’ In un'epoca in cui i virus della mente, delle relazioni sociali, quelli tecnologici e della comunicazione si propagano ad alta velocitá, proponiamo i 10 video piú virali della rete... (clicca per articolo e video)
  • 4. FLASH MOB SOCIETY Basta un flash, pochi minuti per esprimere la propria arte, il proprio senso del mondo, in una piazza di una qualsiasi cittá. Questo é il flash mob: ecco gli esempi passati alla storia... (clicca per articolo e video)
  • 5. INVISIBILI Dal web, alla realtà, all’economia, passando per una firma e un continente perduto. Si dice che il senso del visibile risiede nell’invisibile. Ed è proprio ciò che non si vede che sarà protagonista nel prossimo futuro. Ciò che è invisibile: underground (clicca per articolo e video)
  • FACEBLOB: I 10 Video più virali della rete
Nèo Giuliana Sias

Giuliana Sias

Bologna