WHAT'S NÉO A LONDRA?
facebook Stampa

La top 5 di Vincenzo Caramia


In diretta dai neoreporters di tutto il mondo. Per segnalare 5 cose néo (curiose, originali, di tendenza, interessanti) che stanno emergendo nella tua cittá, iscriviti a neoreporters.com e rispondi all'intervista da reporter internazionale.

1. IL LUOGO: BRICK LANE, CREATIVITÀ E DIVERTIMENTO

Una delle più famose vie di Londra è Brick Lane, a Shoreditch, un quartiere per lungo tempo abitato quasi unicamente da indiani e solo di recente al centro di un rinnovato interesse da parte dei londinesi e dei turisti. Posta nel centro–est della capitale inglese, Brick Lane, dopo anni di trascuratezza, è diventato il luogo culto di molti giovani, che si incontrano ogni domenica per assaltare le bancarelle che animano il caratteristico mercatino domenicale. Qui si può trovare di tutto, dal vintage all'elettronica, dai gioielli all’antiquariato, senza dimenticare l’usato (tra cui spicca il mercatino delle biciclette di “seconda mano”). Ma non è tutto. Lungo Brick Lane e nelle strade adiacenti si trovano moltissimi negozi unici nel loro genere, dove si possono acquistare oggetti e abiti d'alta moda. Tantissimi sono poi i ristoranti in cui poter gustare soprattutto i piatti tipici della cucina indiana, cinese e giapponese. Negli ultimi tempi sono state aperte numerose gallerie d'arte, che hanno fatto di Brick Lane una delle zone preferite a Londra dagli artisti e dagli amanti dell'arte contemporanea. Numerosissimi sono gli artisti di strada che animano la zona con le loro performance. Di sera ci si può sempre divertire nei tanti locali della zona, dove si suona ogni genere di musica live fino a notte fonda.

Video. BRICK LANE


2. L'EVENTO: PETTINATURE ESTREME ALL'"ALTERNATIVE HAIR SHOW"

Si sa, Londra è una delle città più "liberali" ed eccentriche del mondo. E’ qui che ogni anno la "Alternative Hair Show", una delle mostre di capelli più famose nel mondo, regala sempre grande spettacolo. Lo show, giunto alla sua 28esima edizione, il 17 ottobre ha visto un gruppo di parrucchieri sfidarsi sul tema di quest’anno "Masquerade". Ha fatto da cornice all’evento la Freemason’s Hall, bellissimo e misterioso Tempio Massonico nel quartiere di Covent Garden. Non solo capelli in primo piano, ma anche trucco, costumi e performance, in un’atmosfera davvero affascinante.  Più che acconciature, comunque, si tratta di vere e proprie opere d’arte. Capolavori che chiaramente è difficile poter indossare nella vita di tutti i giorni ma che, per una festa speciale, possono rivelarsi perfette, visto che alla base c’è sempre una buona dose di ironia.
www.alternativehair.org/

Video. HAIR SHOW


3. TENDENZA: ARTE E RELAX ALLA TATE MODERN

Ultimamente uno dei piaceri più in voga è trascorrere il tempo libero presso la Tate Modern. Si tratta della principale galleria britannica d'arte moderna. Situata in un'ex centrale elettrica ristrutturata, il museo comprende opere di artisti leader del ventesimo secolo, tra cui Picasso, Warhol e Dalí e esposizioni temporanee a pagamento. Le collezioni in mostra alla Tate Modern sono organizzate per temi (significato artistico e corrente alla quale si ispirano). L’ultima in rassegna è la "The Unilever Series: Ai Weiwei" (12 ottobre-2 maggio): la superficie dell’immensa e famosa Turbine Hall all’ingresso del Tate, probabilmente una delle più grandi “anticamere” del mondo, è stata completamente ricoperta di semi di porcellana, creati e poi dipinti uno a uno a mano. Ciò che rende intrigante l’esperienza alla Tate Modern è che ci sono diversi "gift shop" e tanti luoghi di ritrovo dove poter mangiare e bere. E’ bello vedere le persone che osservano, magari da seduti, quadri e opere piuttosto singolari. E' affascinante soprattutto prendersi un momento di relax al bar dell'ultimo piano, bevendo un caffè, ammirando dalla vetrata il Tamigi e la cattedrale di St Paul, con annessa cupola dorata in primo piano. Sito ufficiale: www.tate.org.uk/modern/

Video. Tate Modern


4. TOUR: LA LONDRA SPETTRALE

Ad Halloween, la capitale britannica, ha fornito come ogni anno, brividi ed emozioni a volontà per trascorrere uno "terrificante" 31 Ottobre. A Londra per questa festa si sono organizzate molte "ghost walks" e ce n’è stata una molto speciale, quella del maestro del macabro Richard Jones, ritenuto la miglior guida delle “ghost walks” londinesi. La “passeggiata dei fantasmi” consiste in un viaggio nei segreti della città “infestata”, in perfetto stile e atmosfera notte di Halloween. Il posto più "pauroso" per entrare nello spirito della festa è la London Dungeon. Qui sembra essere Halloween tutto l’anno. Situato nei pressi della London Bridge Station, alla London Dungeon si possono rivivere tragici pezzi di storia (Il grande incendio, la peste, Jack lo Squartatore), con attori dal vivo, spettacoli ed effetti speciali. Altro monumento ideale da visitare in questo periodo è la Torre di Londra, probabilmente il luogo più infestato di fantasmi della Gran Bretagna (sia dai cosiddetti "Principi della Torre" sia da quelli dei famosi Guy Fawkes, Anna Bolena e molti altri). Per chi ne avesse voglia, una nuova tendenza prevede una visita al Cimitero di Highgate. In stile gotico-vittoriano, questo posto, che più che un cimitero sembra un museo, ospita numerose figure di fama mondiale, come quelle del filosofo Karl Marx, dei romanzieri George Eliot e Douglas Adams. Ma non solo: questo cimitero è stato teatro della nota leggenda del Vampiro di Highgate che circolava negli anni ‘70. Insomma si tratta di un posto davvero straordinario e suggestivo.

Video. London Dungeon


5. SHOPPING: CHARITY SHOPS

Conosciuta per essere una delle città più care del mondo, Londra offre comunque una serie di alternative al classico shopping che si tiene nelle cosiddette “High Streets”. Quello shopping che sì, ci rende felici ma che nuoce anche gravemente alle nostre tasche. Grazie all’usanza inglese di donare le proprie cose inutili al negozio di beneficienza del quartiere, i cosiddetti “charity shop” diventano sempre più dei punti di riferimento per lo shopping low cost di tante persone. Si può trovare davvero di tutto e a prezzi molto competitivi, dall’abbigliamento all’oggettistica, dal vintage all’antiquariato vero e proprio: ogni tipo di merce usata per chi vuole ricreare autentiche atmosfere anni 60/70. Da rilevare che buona parte del ricavato delle vendite va ad associazioni umanitarie e caritatevoli, cosa che inserisce i donatori in un interessante circolo virtuoso: è donatore chi cede della merce ma anche chi l’acquista. Una tradizione sempre più viva: il primo “charity shop” fu aperto nel 1941 a Old Bond Street dalla Croce Rossa per raccolta di fondi, durante i bombardamenti tedeschi. Da allora, il numero è cresciuto e se ne trovano un po’ dappertutto, da Chelsea a Hackney, da Richmond a Portobello, da Notting Hill a Fulham. Londra insomma è invasa da questi negozietti, che a volte sono nascosti ma che altre hanno vetrine così luminose che è impossibile non esserne catturati.

Video. Bus Palladium (Christopher Thompson)


from passion to profession
Altri articoli di questa enews
Nèo Vincenzo Caramia

Vincenzo Caramia

crocierissime