Néo: THE DARK SIDE OF CINEMA – Il lato B dei film
facebook Stampa

3. L'IDENTITA' DI 5 NAZIONI NEI LORO CULT MOVIES


Ogni Paese ha uno stile che lo rende celebre. Cerchiamo di rintracciare l'identità di 5 nazioni europee, attraverso alcuni film di culto realizzati in quei paesi.

L'ITALIA E LA DOLCE VITA

Più che un film è un manifesto, il simbolo del lato spensierato degli italiani. Forse la dolce vita in Italia non esiste più, ma rimarrà una delle scene più celebri del cinema, il bacio tra Marcello e Sylvia nella Fontana di Trevi. La Dolce Vita di Federico Fellini ha fatto innamorare il mondo della Roma degli anni '60. Altro cult consacrato da due grandi del cinema italiano, Roberto Benigni e Massimo Troisi, è il film Non ci resta che piangere. Si dice che in una delle scene più famose, quella del passaggio della dogana, i due comici non riuscissero a rimanere seri tanto che dovettero modificare il copione e tenere buona la scena in cui i due non smettono di ridere. Il piacere di ridere e di divertirsi, questa l'Italia che piace. E che quando ride con intelligenza rende il divertimento d'autore.

Video: LA DOLCE VITA: LA FONTANA (3 minuti e 40)

Ha reso una città simbolo di uno stile di vita e una fontana simbolo dell'amore. Una curiosità: la scena in realtà fu girata in inverno. Gli attori tremavano per il freddo

LA FRANCIA: DAL BIANCO E NERO AI COLORI PASTELLO

"Conosci la storia di quel tale che si butta da un palazzo di cinquanta piani? Ad ogni piano, mentre cade, continua a dirsi: fin qui è andata bene, fin qui è andata bene, fin qui è andata bene. Questo, per dire che il problema non è la caduta, ma l'atterraggio..."
Da L'Odio di Mathieu Kassovitz del 1995.

Ambientato nella periferia di una Francia, in bianco e nero, affronta con coraggio il tema della violenza urbana.
Di tutt'altro genere la fiaba surreale di Jean Pierre Jeunet. Le candidature come miglior film straniero, miglior sceneggiatura, fotografia, colonna sonora e scenografia. Un vero successo su ogni fronte il film del 2001, eco delle commedie di Jean Renoir, Il Favoloso Mondo di Amélie, romantico e poetico che ha affascinato il mondo con la sua dolcezza. Dolcezza, durezza e una capacità unica di creare atmosfere suggestive: questo il dna della Francia che unisce i nuovi film di culto alla nouvelle vague dei sessanta-settanta.

Video: IL FAVOLOSO MONDO DI AMELIE – (1 minuto e mezzo)

Amelie e i suoi piccoli piaceri quotidiani.

TRASGRESSIONI E LIBERTA' SPAGNOLE

Spagnolo e internazionale al tempo stesso. Un viaggio negli stereotipi degli europei L'appartamento spagnolo (L'auberge Espagnole) del francese Cédric Klapisch. Uno sguardo semplice e allo stesso tempo veritiero alla Barcellona vissuta da un gruppo di studenti Erasmus.
Ma più di tutti è stato Pedro Almodovar, a caratterizzare il cinema spagnolo nel mondo. Colori caldi, come la stessa Spagna, in contrapposizione a temi seri trattati in modo trasgressivo come in Tutto su mia madre del 1999. È questo forse che ha reso la Spagna meta ideale di vacanze e di nuovi stili di vita: il desiderio di libertà e di infrangere le costrizioni sociali.

Video: L'APPARTAMENTO SPAGNOLO – COME PIACERE A UNA DONNA (durata: 2 minuti e 25)

La scena che ha colpito l'immaginario di milioni di studenti. Erasmus e non. Le lezioni di "sesso" da lei a lui. Come piace farlo davvero a una donna?

LA GERMANIA: DAL CIELO DI BERLINO ALLA CADUTA DEL MURO

Due stili differenti, due generi opposti, due temi importanti, due cult che hanno per protagonista una sola città: Berlino.
Il primo surreale, drammatico, triste e bellissimo. Wim Wenders ci porta in un'altra dimensione, quella delle strade popolate da angeli e umani sotto lo stesso cielo. Angeli particolari, non sono fanciulli e non hanno riccioli, ma sono uomini e indossano impermeabili, quelli de Il cielo sopra Berlino cult del 1987. Ironico e divertente, invece, Goodbye Lenin del 2003 di Wolfgang Becker. Il muro è caduto, la DDR non esiste più, il mondo è cambiato. Dopo otto mesi di coma, la mamma di Alex torna a casa, e non è pronta a sapere che il mondo è cambiato. Così le fanno credere che il muro c'è ancora in una commedia che ci mostra i paradossi della Berlino di prima e dopo la caduta del muro. Dove si sottolinea la nuova missione di Berlino per il cinema e per la cultura europea: la scoperta di una nuova identità, che si raggiungerà attraverso la sintesi della diversità culturale (come nei film di Akin) e di esperienze storiche (come Sonnenallee o Le vite degli altri).

Video: GOODBYE LENIN – L'INIZIO (3 minuti)

L'inizio del cult movie Goodbye Lenin in cui scorrono immagini in stile DDR.

UK: DALLO SPORCO MONDO DI TRAINSPOTTING A QUELLO PORCELLO DI BRIDGET JONES

I cult inglesi sono cult internazionali, anche grazie alla lingua. Ne scegliamo due, molto diversi tra loro: Trainspotting e Bridget Jones. Il primo, crudo, ironico e drammatico che mostra lo sporco mondo della droga visto dal punto di vista degli stessi tossicomani che vivono in un mondo sospeso tra la realtà e la fantasia. Il secondo, una romantica commedia sexy che vede l'affascinante Daniel, interpretato da Hugh Grant, e il tenebroso Colin Firth, nel ruolo di Mark, contendersi la goffa Renée Zellweger, nella parte di Bridget Jones. Cosa potrebbe unire questi due film e altri considerati di culto? Forse il tentativo di ribellarsi al cliché di popolo educato e ordinario che spesso ricostruisce nell'immaginazione un mondo sporco e un po' porcellino in cui sollazzarsi senza pudore.

Video: TRAINSPOTTING- SCENA CESSO (2 minuti e mezzo)

La scena cult di un film supercult. Una scena molto amata dai fans di Tarantino

Nèo Susanne Kirchner

Susanne Kirchner

Graz
Altri articoli di questa enews
CITY PARADE L'AGENDA INTERNAZIONALE

Advertising

Newmedia Solutions - Web Agency / developer specializzata per turismo e finanza Weekend Gratis