D'estate si impara
facebook Stampa

4. Lingue straniere: le città dove fa tendenza impararle

Lingue straniere: le città dove fa tendenza impararle
4. Lingue straniere
Studiare le lingue nei luoghi del futuro. Sondando le opinioni degli "insider" scegliamo per ogni lingua la città più "vera", di più forte impronta culturale, dove più si respira l'aria di futuro o dove semplicemente la lingua è più pura.

Portoghese a Puerto Alegre

Il portoghese è la lingua di una delle economie di più grande espansione. In Brasile la sfida è tra Rio de Janeiro e San Paolo. Qual è meglio? Noi rilanciamo: se si vuole imparare il portoghese "brasiliano" più "in" consigliamo di puntare più a sud, al Rio Grande do Sul. Una regione che per lungo tempo sognava l'indipendenza dal Brasile. Terra dove si respira ovunque aria d'Europa. La capitale è Puerto Alegre, città forse non appariscente, ma dove nascono le mode e dove la lingua suona più elegante.


Russo a San Pietroburgo

San Pietroburgo è la più bella e scenografica città della Russia. Chiamata la "Parigi del Baltico" perché proprio alla capitale francese si è ispirata, ha recentemente festeggiato i 300 anni. In quell'occasione è stata completamente rimessa a nuovo e riportata all'antico splendore. Gli abitanti della perla del Baltico si vantano di essere nel loro paese i custodi della cultura. E di parlare il russo più raffinato.


Video. Il più celebre discorso di Trapattoni in tedesco. Sottotitolato in inglese


"Indiano" a Mumbai

L'India ha 23 lingue ufficiali, quante ne ha la Comunità Europea. Più altre 13 non riconosciute, per un totale di 36. Il numero di dialetti parlati in India è di 1.652. Quindi l'ostacolo non è solo imparare una lingua in sé ma anche capire quale scegliere. All'atto pratico, la più parlata e la più diffusa è l'hindi, seguita dall'inglese. Entrambe sono ben conosciute dalla stragrande maggioranza delle persone, anche in luoghi estremamente remoti, perché si sono diffuse nel tempo come lingue franche anche tra gli indiani stessi. Per affondare nel mistero di questo paese più che scegliere dove si parla la lingua migliore, forse conviene decidere in base agli obiettivi personali. Ad esempio, per chi ha ambizioni nel cinema è consigliata Mumbai, dove ha sede l'industria cinematografica indiana, Bollywood, la più prolifica del pianeta. Bangalore è invece la capitale dell'information technology e sede di industrie molto innovative. Chi ama respirare gli odori dell'India più viscerale deve fare rotta su Calcutta.


Cinese mandarino a Pechino

In Cina la lingua ufficiale è il cinese mandarino. Il c.d. mandarino standard è la lingua con il maggior numero di parlanti al mondo: più di un miliardo. Ma dove si parla il miglior mandarino di Cina? Il mandarino standard è basato sul dialetto di Pechino e il governo della Repubblica Popolare Cinese preme per imporlo a tutta la nazione come linguaggio comune. Quindi è usato dal governo, dai mezzi di comunicazione e nell'istruzione nelle scuole. Il luogo migliore per imparare il "cinese" è dunque nel cuore della capitale politica, una città ricca di storia e di fascino. Pechino, pur di fronte agli splendori di Wangfujing Dajie e ai clamori modernisti del pre-e-post Olimpiadi ha saputo mantenere l'appeal tradizionale. Per questo associa e sintetizza in modo meraviglioso il desiderio di vita all'occidentale a quello di chi cerca anche qualcosa di profondo nella cultura locale. Caso a parte è Hong Kong, dove la lingua ufficiale continua ad essere il cinese cantonese.


Video. Where are you go? Lo strano inglese di una giornalista italiana.


Giapponese a Tokyo

Tokyo, Kyoto, Nagano sono le tre prime proposte se si vuole imparare il giapponese, secondo una nostra ricerca in loco. Ma forse conviene farlo a Tokyo, per due motivi principali: l'ambiente più facilmente affrontabile per un occidentale e gli incentivi dati dal governo giapponese a chi viene a studiare la lingua. Appena lasciata Tokyo, che è la città più moderna e cosmopolita, ci si ritrova immersi in un paese profondamente tradizionale, dove è normale indossare il kimono, non parlare inglese e respingere gli occidentali all'ingresso di un ristornate perché il gestore ha paura di non saperli servire bene. Difficile da affrontare. Inoltre il governo giapponese vuole incentivare moltissimo tutti gli stranieri che vogliono cimentarsi nello studio della lingua e della cultura giapponese e mette a disposizione numerose borse di studio presso l'università di Tokyo. Informazioni sono reperibili sui siti internet e presso le sedi dei consolati e delle ambasciate giapponesi nel mondo.


Video. Imparare bene una lingua è importante: ecco perché!


Nèo
Altri articoli di questa enews
Nèo Stefania Mirani

Stefania Mirani

32 anni di Milano - Italy